Li munzedda di lu frummientu a la Riina di Sutera
Cos si formarono i due monticelli di terra e sale della Riina


Ci su du belli cumuli
di terra a la Riina,
ca d'erva e nudda spina
cuverti mai su.

Chiamati furu e sunnu
munzedda di frummentu,
mutati in un momentu
'nti lu statu chi su.

L'unu granni assai
e 1'altru nicareddu,
fra cui un vattaneddu
di biancu sali c'.

Chi li circunna 'n-tunnu
e sterilisci tutta
la terra, supra e sutta
comu lu focu f.

Raccunta la liggenna
ca 'nti ddu puntu c'era
di granu un'aia vera
appartinenti a di.

Eranu dui fratelli
di cui unu cecu,
li quali tra lor secu
spartivanu cos:

Chiddu chi ci vidiva
cuntava e misurava
ed a lu frati dava
lu picca e menu ncr.

Mentri chi tummava
all'autru dicia:
tocca... la rasa mia,
la cucucciuta t.

Ma chista di lu funnu
viniva china paru,
comu lu ciciraru
f, e tummina d.

A lu cuntrariu 'nveci
del giustu misurava
la sua, e si pigliava
lu duppiu e lu di chi.

Vidi si ti rispettu
diciva e ripitiva
ma chiddu rispunniva:
c' Diu ca v pi m .

Dopu ca fur divisi
granu, sulami e scagli,
all'orvu cu li pagli
la porzioni s.

Vinni in sull'istanti
'nsaccata e carricata,
e 'n-casa traspurtata
pi megliu lu servir.

M'appena alluntanatu
fu, un granni eventu
(del Cielu gran portentu)
avvinni e s'avvir.

Un gran rumur s'intisi ;
trim la terra altura,
e 'ncelu 'na chiarura
si vitti a lampu e chi !

E ddi munzedda a frodi
'n-terra fur canciati,
e doppu circunnati
di sali comu su.

Cu passa li talia
e pensa ca c' Diu
t'annienta er propriu iu
in un'istanti e mn !

Giuseppe Carruba Toscano


Ritorna alla Home Page