Giuochi di guerra


Un'amaca che dondola bimbe vocianti,
un pallone rincorso su un prato
da bimbi festanti,
sordi rimbombi con lampi accecanti
nel piatto orizzonte.
Un normale giorno di guerra a Baghdad.

Poi dal sole accecante di marzo
una saetta guizza nel limpido cielo
e s'abbatte sul prato
che s'empie di grida e di pianto.
Una strage normale e annunciata,
a Baghdad.

A lenire il dolore
anche a grappoli cadono i doni dall'alto
appesi a candide funi.
Zio Sam non ha cuore di pietra, si sa,
e allo sbaglio previsto
un dolce rimedio c'Ŕ giÓ.

Come marchio perenne
il terrore
vivrÓ in quegli occhi sgranati
di bimbo su un campo di calcio

Federico Messana, Milano


Ritorna alla Home Page