Visita ad limina mons. di Paruzzo


Dal 12 al 24 gennaio, dal Brasile è venuto a Roma, per la prima Visita ad limina mons. Salvatore Paruzzo, vescovo di Ourinhos di San Paolo del Brasile.
I vescovi di tutto il mondo sono tenuti, ogni cinque anni, a fare la Visita ad limina, cioè alle fondamenta, a Roma in Vaticano, alla sede del Successore di Pietro, per fornire le notizie della propria diocesi ai vari dicasteri- congregazioni della curia romana ed incontrare il Sommo Pontefice, Capo di tutta la Chiesa Cattolica.
Il prelato montedorese ha discusso con i Cardinali, Prefetti delle varie Congregazioni, della situazione socio-religiosa della sua diocesi, dei rapporti con lo stato brasiliano, dei sacerdoti, dei religiosi, dei seminaristi, delle associazioni cattoliche, dei movimenti ecclesiali e di tutte le altre istituzioni con le quali opera in favore della popolazione e dei più poveri in modo particolare. I rapporti con le altre confessioni religiose ed il livello di ecumenismo raggiunto.
Gli incontri con il Santo Padre, Giovanni Paolo II sono stati cinque: tre insieme agli altri vescovi brasiliani dello Stato di San Paolo, l'agape fraterna con altri nove vescovi ed un colloquio personale con la benedizione apostolica per la carissima Ecclesia Parvauretana, cioè, la diocesi di Ourinhos, e la consegna dei rosari per i fratelli e le sorelle (Lillo, Giovanni, Felicetta e Sandra).
La celebrazione della Santa Messa sulla tomba di San Pietro ha costituito un momento di intensa spiritualità. La Visita ad limina di mons.Salvatore Paruzzo si è sviluppata, possiamo dire, in tre momenti significativi: a Roma, alle fondamenta della Chiesa Cattolica dove c'è la tomba di San Pietro e la sede del suo successore, Giovanni Paolo II, che lo ha nominato vescovo nel 1998; a Caltanissetta, la sede del Seminario dove è avvenuta la sua formazione e, nel 1969, nella Cattedrale 1' ordinazione sacerdotale, ricevuta dal vescovo mons. Francesco Monaco e a Montedoro dove è nato nel 1945, è stato battezzato nella chiesa Maria Santissima del Rosario, è stato cresimato da mons. Giovanni Rizzo, vi è stato arciprete dal 1974 al 1976 e dove sono sepolti i suoi genitori Alessandro e Luigina.
Il 29 gennaio, insieme a mons. Alfredo Maria Garsia, vescovo di Caltanissetta, ha fatto visita ai vescovi riuniti a Palermo per la Conferenza Episcopale Siciliana. Nei pochissimi giorni trascorsi in Sicilia mons. Paruzzo è stato anche a Comiso, nella Parrocchia Madonna delle Grazie, dove ha concelebrato con mons. Paolo Urso, vescovo di Ragusa, ed il parroco don Giovanni Battaglia che, nella prossima estate, andrà ad Ourinhos per una esperienza missionaria di diversi anni. A Piazza Armerina nella Parrocchia Sacro Cuore di padre Pace che ha istituito una borsa di studio per un seminarista di Ourinhos e a Gela, nella Parrocchia San Giovanni Evangelista, parroco don Alessandro Crapanzano che ha istituito una borsa di studio per un seminarista sempre del seminario diocesano di Ourinhos. Con l'occasione mons. Paruzzo, il 31 gennaio, ha amministrato il battesimo a Marta, figlia della nipote Mariangela e di Mario Turco.
A Caltanissetta, prima di fare ritorno in Brasile, mons. Paruzzo ha celebrato delle sante messe nella parrocchia Regina Pacis di padre Arcangelo Infuso e nella parrocchia di San Pietro di padre Salvatore Tumminelli. Intensificare i rapporti tra le diverse parrocchie e la diocesi di Ourinhos consente l'apertura missionaria delle comunità e alimenta lo spirito universale che deve pervadere i cristiani del mondo.


Ritorna alla Home Page