L'Auditorium dello Scientifico di Caltanissetta intitolato al prof. Bufalino

Con una grande cerimonia, giovedì 31 maggio, l'auditorium del Liceo scientifico A. Volta di Caltanissetta, è stato dedicato alla memoria del prof. Bufalino per 16 anni preside del Liceo stesso.
Giuseppe Bufalino, nato a Montedoro il 10 Maggio 1918. è morto a Caltanissetta l'11 giugno 1994. Laureatosi in matematica e fisica presso l'Università di Palermo cominciò ad insegnare al Liceo scientifico Plutia di Piazza Armerina e due anni dopo divenne preside. Dal 1954 insegnò matematica e fisica al Liceo classico di Enna e l'anno seguente all'Istituto tecnico per geometri di Caltanissetta. Nel 1962 insegnò all'Istituto commerciale Mario Rapisardi di Caltanissetta e nel 1968 al Liceo classico Ruggero Settimo. Dal 1972 al 1988 fu Preside del Liceo scientifico A. Volta.
Fu Preside Provinciale della C.R.I. e nel 1972 ottenne il Diploma di benemerenza con medaglia di prima classe in riconoscimento dell'attiva collaborazione offerta per vari anni. Partecipò attivamente alla vita politica in rappresentanza della Democrazia Cristiana. Dal 1965 al 1970 fu consigliere comunale e assessore a Montedoro, dal 1970 al 1975 assessore provinciale ai lavori pubblici e dal 1975 al 1980 presidente dell'Amministrazione provinciale di Caltanissetta.
Giuseppe Bufalino ha sposato Salvatrice Salvo, insegnante di Montedoro, dalla quale ha avuto due figlie: Maria Concetta, farmacista, e Marcella, professoressa, abitanti a Caltanissetta. Il Collegio dei docenti del Liceo Scientifico Statale A. Volta di Caltanissetta ha deliberato di intitolare l'Auditorium alla memoria del Prof. Giuseppe Bufalino tra l'altro con queste motivazioni: "diede definitivo impulso, nei sedici anni della sua presidenza, al Liceo adoperandosi con zelo indefesso e spirito di servizio, affinché avesse sede definitiva, adeguata, per ricchezza di strutture, alle sue potenzialità formative, il ricordo della sua totale dedizione alla vita del nostro istituto hanno sollecitato in molti il desiderio di ricordarlo in modo degno".
Nella stessa occasione la Biblioteca del Liceo è stata intitolata alla memoria del prof. Francesco Dolce anche lui preside dal 1968 al 1972. Due professori, due presidi, due educatori che hanno operato per le giovani generazioni con la loro preparazione culturale, con la loro dedizione alla scuola, con l'esempio di vita.
L. Paruzzo